Out of my window - Out of my window

Out of my window di Alice Gioia

RSS Feed

Da quali stelle siamo caduti, per raggiungerci quaggiù?/11

C'è chi lo chiama teatro civile.
Daniele Biacchessi è da solo, sul palco. Davanti, un leggio. Alle sue spalle, i protagonisti di quattro storie italiane: storie di guerre, di coraggio, di ingiustizie.
Il giornalista che ha raccontato le stragi degli Anni di Piombo è nell'aula goldoniana del Collegio Ghislieri per dare voce a Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, a Raffaelle Ciriello, a Maria Grazia Cutuli, ad Antonio Russo, a Enzo Baldoni.
Li racconta per quello che erano: non eroi, ma giornalisti che sapevano fare il loro mestiere, con "coscienza civile". Giornalisti che "consumavano le suole delle scarpe, senza far sconti a nessuno, e tenendo sempre la schiena dritta".

"Quelli di Ilaria Alpi erano servizi scritti in punta di penna, filtrati attraverso l'occhio elettronico di Miran Hrovatin, fatti che ogni cronista dovrebbe poter raccontare senza essere ucciso.
Sono le stesse verità che intende documentare il fotografo Raffaele Ciriello a Ramallah, in Cisgiordania, quando cinque proiettili di una mitragliatrice montata su un carro armato israeliano fermano per sempre il suo cammino".

(D. Biacchessi, Passione Reporter, Chiarelettere 2009)

C'è chi lo chiama teatro civile. Per Biacchessi, forse, è un dovere morale. Perchè i suoi racconti continuino a essere "un atto di memoria, in un paese senza più memoria".