Out of my window - Out of my window

Out of my window di Alice Gioia

RSS Feed

Da quali stelle siamo caduti, per raggiungerci quaggiù?/5

"Sapeva bene che tutte le azioni che le persone compiono, tutte le azioni di tutte le persone, che fossero motivate dall'attenzione o dal desiderio, che si trattasse di azioni dovute all'inganno o alla ricerca di attenzione, all'avidità, alla defezione dalle resposabilità, le azioni colpevoli e quelle destinate a fallire, la competizione, l'adulazione e la generosità, le azioni destinate a impressionare, a destare attenzione, a incidersi nel ricordo della famiglia o del gruppo o della nazione o dell'umanità, le piccole e le grandi, quelle mediate e quelle istintive e malvagie, quasi tutte conducono a un punto che non pensavi affatto. Questa deviazione generale e perenne, che distorce i comportamenti delle persone, Yoel cercava di definirla dentro di sè come "lo scherzo planetario" o come "lo humor nero dell'universo". Ma non gli piacque (…). Perciò si accontentò di accogliere tra i suoi pensieri quello che gli aveva raccontato Arik Krantz (…): diceva sempre che tra due punti passa una sola linea retta, e quella linea è sempre piena di asini".

Amos Oz, Conoscere una donna, Feltrinelli 2008

La prima parte della citazione si può benissimo applicare a "The Millionaire" (che, anche se a Salman Rushdie non è piaciuto, a me non sembrava così male).

Per quanto riguarda il libro, invece, mi sembra riassumere perfettamente il tentativo di Yoel, militare dei servizi segreti israeliani, di riprendere le fila della sua vita, ingarbugliatesi improvvisamente in una notte d’inverno, a Helsinki, quando gli giunse la notizia della morte della moglie. Di cercare un senso nelle piccole cose, in un ordine e in una precisione quasi ossessivi. Di confrontarsi, ogni giorno, con il peso di essere sopravvissuto alla moglie, ai colleghi, alla Shoa. E, nel fare questo, scontrarsi con l’insondabile esistenza della figlia adolescente, con la follia senile della madre, con l’incomunicabilità dell’amante. Continuando a interrogarsi sul passato con la moglie, sul fragile equilibrio che li aveva tenuti insieme.

Un percorso attraverso l’universo femminile, che sembra sfuggirgli, per ritrovare la forza e la concentrazione perduti. E riuscire a trasformare il “domani è un altro giorno” in “domani è già oggi”.