Out of my window - Out of my window

Out of my window di Alice Gioia

RSS Feed

Identità rubate…su Facebook

Facebook

Marta gesticola, sbuffa, parla in fretta. È arrabbiatissima.
Qualcuno, su Facebook, le ha rubato l’identità. Si è registrato/a con il suo nome, ha messo le sue foto sul suo profilo, ha inserito tutti i suoi dati personali.
Ma non si è fermato/a lì. Ha fatto amicizia con i suoi amici, chiedendo di cancellare “l’indirizzo vecchio, perché aveva dei problemi". E poi, con i suoi amici, ci ha anche chiacchierato. Con qualcuno del più e del meno, con altri di fatti personali.
Nell’attesa che il team di Facebook ci capisca qualcosa, Marta è seccata e offesa. Perché, anche se per poco, anche se forse soltanto per uno scherzo, qualcuno ha finto di essere lei. In un mondo virtuale, in cui la tua esistenza è vincolata solo alle tue foto, alle fragili descrizioni del tuo profilo, alle battute che scambi con altri, basta un attimo.
Ma la seccatura è la stessa. E non solo per i Vips, che si vedono comparire in rete i loro profili. È come se un malefico gemello fosse entrato a casa tua, avesse messo i tuoi vestiti, il tuo profumo. Per poi uscire a prendere un caffè con la tua migliore amica.

Commenti

Quello del "furto d'identità" è un problema vecchio come il mondo, ma mai come in questo momento è diventato così pericoloso. Giusto per mettere al riparo i più sbadati, vorrei citare i casi in cui il furto avviene da una "macchina", invece che da una persona. Capita spesso su Messenger, dove fantomatici siti (che spesso promettono di dirti chi ti ha nella sua ignore list) ti chiedono utente e password, utilizzando questi dati per collegarsi al posto dell'utente e pubblicizzare il sito in un circolo vizioso. La pericolosità di queste pratiche è piuttosto bassa, visto che il tutto si gioca sulle visualizzazioni degli sponsor sul sito, ma dà l'idea delle mille sfaccettature che può avere il problema. (vedere http://www.ziorufus.it/?p=220 per maggiori dettagli) Concludo, per riderci sopra, con un ipotetico dialogo tra due scienziati, tratto da "Ratman". Scienziato 1: "Lo sapete che sono riuscito a clonarmi?" Scienziato 2: "Ce lo hai già detto ieri!" Scienziato 1: "Sì, ma non ero io!"
Identità rubate...identità perdute semmai.... Il piu delle volte si vive in un mondo parallelo dove siamo noi i primi a vivere lontnai, protetti e distaccati dalla realtà; dalla vita e dalla nostra identità che si costruisce giorno per giorno nella sola realtà che conta... Se fuggiamo dal reale rinneghiamo parzialmente ciò che siamo...ergo non lamentiamoci se in una realtà virtuale, pressochè selvaggia e anarchicamente democratica qualcuno si diverta a rubarci l'identità... Nel momento che siamo in quel genere di virtualità corriamo determinati rischi...
è successo anche a me, come posso fare per far cancellare il falso profilo?